natale

Duracell salva il Natale

Quante volte vi è capitato di passare il Natale in compagnia di bambini urlanti in preda ad una crisi di pianto per aver ricevuto in regalo un giocattolo nuovo impossibile da utilizzare all’istante per via dell’ovvia mancanza di batterie?
Per mia esperienza la scena seguente prevede che genitori e nonni si dannino l’anima per dare fondo alle scorte di pile cercando in ogni possibile cassetto o togliendole da ogni dispositivo elettronico che capiti a tiro, telecomando compreso, se necessario. Ma Duracell questo Natale ha deciso di correre in aiuto dei cittadini statunitensi… con una consegna a domicilio.

Fonte

Burger King: Whopper Exchange

Avete ricevuto dei regali indesiderati questo Natale? Il solito paio di mutande? Una gioiosa graffettatrice? Se eravate a Miami il giorno di Santo Stefano potevate cambiarli… con un hamburger.
Date un’occhiata all’insolito guerrilla di Burger King, in questo video.

Fonte

Gli auguri di Natale di John Lewis

Rassegnamoci: con l’inverno, il freddo e i malanni ogni anno arriva anche il Natale. E la carrellata di pubblicità natalizie che sotto l’albero non può proprio mancare. Iniziamo con l’immancabile spot di John Lewis, dove è un simpatico cane a farla da padrone durante le feste.
Poi ci sono le animazioni dei negozi Myer e Otto (eccolo). Infine il video del marchio di energie rinnovabili E.ON (qui). E allora… che Natale sia!

Fonte

Very.co.uk: Christmas Advert 2016

Christmas is coming! E il sito Very.co.uk è il primo brand quest’anno a farci gli auguri.
Come? Con una bellissima animazione pubblicata sul web e una proiezione sulla facciata del County Hall di Londra (qui alcune immagini).

Fonte

Pedigree: pUp syndrome

In Russia tra la miriade di gruppi sociali emarginati purtroppo ci sono anche le persone affette da sindrome di down. Ma se c’è qualcuno che, in qualunque parte del mondo, ha sempre dimostrato di non avere pregiudizi verso nessuno… sono i cani! Date un’occhiata all’ambient con cui Pedigree ha voluto dare prova alla popolazione russa che anche i down sono perfettamente in grado di lavorare.
E sulla stessa linea è anche l’idea di Gran Estación Mall, un centro commerciale colombiano che sotto Natale ha chiesto invece l’aiuto dei bambini per spiegare che non esistono differenze.

Fonte1Fonte2