flashmob

Copenhagen Philharmonic Orchestra: flash mob nel metrò

Ma quanto comincerebbe meglio la giornata se in metrò trovaste un gruppetto di musicisti pronti a suonarvi un concertino? Be’, in Danimarca è successo.
Ecco il meraviglioso flash mob organizzato dalla Copenhagen Phil, l’orchestra filarmonica della capitale danese, in collaborazione con Radio Klassisk, che ha eseguito, per la gioia dei passeggeri, le musiche di Peer Gynt, di Edvard Grieg.

fonte

Solero: senti l’effetto vacanza, flash mob in Messico

Se voi foste appena scesci dalla metropolitana e vedeste delle persone in costume da bagno che giocano a beach volley che cosa pensereste? Di esservi addormentati sul treno e di star sognando probabilmente. Ebbene questa insolita scenetta è ciò che si sono trovati davanti il marzo scorso i passeggeri a Città del Messico.
Un flash mob in piena regola: prima un coraggioso ragazzo che abbandona la ventiquattrore e inizia a togliersi giacca e cravatta, poi pian piano altri vacanzieri che seguono il suo esempio, e la stazione diventa una spiaggia. Tutto ciò per pubblicizzare Solero, il gelato distribuito in Italia da Algida e in Messico da Holanda (marchi del gruppo Unilever), al motto di “Senti l’effetto vacanza”.

fonte

È tutto italiano il primo flash mob su un aereo

Alla fine si è scoperto di cosa si trattava, non c’è voluto molto. Sto parlando del viral video che spopola in rete da pochissimi giorni. Quello con quindici ragazzi vestiti di bianco che cantano a cappella sull’aereo. Capire cosa c’era dietro non è stato difficile: negli ultimi secondi del filmato compare un logo, e poi la scritta “Paradiso“.
Collegare questi indizi al marchio di acqua del gruppo Gabeca è un attimo. Un’acqua imbottigliata in Friuli, ma con sede a Brescia. E l’agenzia che ha ideato il tutto è la Spencer & Lewis di Roma, che ha collaborato con la HcO di Brescia. Un flash mob quindi tutto italiano. E non solo: è già stato definito il primo flash mob su un aereo, ed è quindi stato anche coniato il termine “plane mob”. Più precisamente lo show canoro è avvenuto sul tratto Roma-Milano, il 19 aprile. A 30.000 piedi di altezza.

fonte

Flash Mob a Sidney per il St Patrick’s Day

E’ da un po’ che non parliamo di flash mob. L’occasione per farlo ci arriva da Sidney, dove pochi giorni fa alcuni ragazzi hanno dato vita ad un simpatico balletto alla stazione centrale.
Il tutto inizia all’improvviso, come di regola succede nei flash mob. Un ragazzino, nel bel mezzo della Central Station, accenna i primi passi di una danza tradizionale irlandese, e a seguire altri ragazzi, circa un centinaio, si aggiungono, lanciandosi nel ballo folkloristico. L’intenzione è quella di augurare a tutti, australiani di origine irlandese e non, un felice giorno di San Patrizio. Lo spettacolo è stato organizzato da Tourism Ireland e da alcuni ballerini, campioni di danza irlandese, facenti parte di alcune scuole e di gruppi come Riverdance e Sneaky Steppers, che si occupano di far conoscere queste particolari tradizioni, con tourné in tutto il mondo o attraverso eventi di questo genere.

fonte

E4 – Come ti flasho il flash mob

I flash mob sono, per definizione stessa, basati sulla sorpresa. Il loro recente impiego spasmodico ne sta però facendo crollare originalità e soprattutto imprevedibilità. Questo trend non è sfuggito ai creativi di E4 che per risposta hanno deciso di dissacrarne l’ordinaria concezione. In che modo? Semplice,  flashando… un flash mob!
L’idea è risultata davvero geniale, la realizzazione meno: se per innovare si è costretti ad emulare pecorine di fronte a dei bambini, forse non si è così creativi…

fonte