Amnesty International torna con Making the Invisible Visible

La campagna Making the invisible visible di Amnesty International ritorna. Ricorderete senz’altro l’azione di guerrilla dell’anno scorso, replicata quest’anno per portare l’attenzione sui casi di altre 5 persone, per le quali non sarebbe stato garantito, secondo l’associazione umanitaria, il rispetto dei diritti umani.
Di nuovo il collettivo Mentalgassi all’opera per incollare sulle sbarre dei cancelli, in diverse città europee, i posters con i volti di Fatima Hussein Badi, Jabbar Savalan, Filep Karma, Natalia Estemirova e Jean-Claude Roger Mbede.

fonte

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.