Amnesty International – Making the invisible visible

Un’azione di guerrilla marketing quella intrapresa da Amnesty International per sensibilizzare la popolazione mondiale riguardo il caso di Troy Davis, un cittadino statunitente in carcere da 19 anni, accusato per un omicidio che ha sempre dichiarato di non aver commesso e sulla cui condanna ci sarebbero alcuni dubbi.
Senza entrare nel merito della vicenda limitiamoci ad apprezzare l’ottima realizzazione, ad opera del collettivo tedesco Mentalgassi (sito). Si tratta della fotografia dell’uomo applicata sulle sbarre di una ringhiera, ma è visibile solo se osservata da una certa angolazione. Il messaggio della campagna è infatti “Rendere visibile l’invisibile”.

fonte
About these ads

7 pensieri su “Amnesty International – Making the invisible visible

  1. Pingback: Aiden Glenn: Urban Art | FOLLIA CREATIVA: inspiration, spot, guerrilla, flash mob, viral

  2. Pingback: Zebrating: Hidden Street Art | FOLLIA CREATIVA: inspiration, spot, guerrilla, flash mob, viral

  3. Pingback: Amnesty International torna con Making the Invisible Visible « FOLLIA CREATIVA: spot, guerrilla marketing, flash mob, viral

  4. Pingback: Pubblicita: il poster invisibile | JACKPOTstaff il Blog

  5. Pingback: Pubblicita: il poster invisibile. | Grafica Bologna:studio grafico e pubblicita Bologna.

  6. Pingback: Smart: the invisible poster | UnCreativeBlog

  7. Pingback: Smart: the invisible poster « viral/guerrilla marketing, flash mob, spot | FOLLIA CREATIVA

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...